Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» Risultati contest "I colori della terra"
Da walter Ven Giu 22, 2018 8:57 pm

» Contest "Micromondo"
Da walter Gio Mag 24, 2018 7:08 pm

» Contest Sguardi
Da walter Gio Mar 29, 2018 3:38 pm

» Contest "Sensi"
Da walter Gio Mar 01, 2018 11:00 am

» Corsi di fotografia f8chieri Primavera 2018
Da Matteo Maso Lun Gen 29, 2018 1:44 am

» Votazioni contest "Mezzi di trasporto"
Da walter Gio Gen 25, 2018 11:31 am

» Votazioni contest MORBIDO.
Da walter Gio Dic 28, 2017 7:00 pm

» Contest Prospettive
Da walter Lun Nov 27, 2017 4:15 pm

» mostre f8chieri che stiamo programmando
Da Matteo Maso Gio Ott 26, 2017 6:26 pm

» news f8chieri autunno 2017
Da Matteo Maso Sab Set 30, 2017 11:08 am

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata


WERNER BISCHOF RETROSPETTIVA

Andare in basso

WERNER BISCHOF RETROSPETTIVA

Messaggio Da gviarizzo il Gio Set 19, 2013 7:51 am

WERNER BISCHOF. RETROSPETTIVA

Dal 20 settembre 2013 al 16 febbraio 2014 la città di Torino ospita una retrospettiva di grande impatto sociale dedicata a uno dei più importanti fotoreporter del XX secolo; dopo Henri Cartier-Bresson e Robert Capa, a Palazzo Reale un altro grande maestro della fotografia: Werner Bischof.

L’esposizione, organizzata dalla casa editrice d’arte Silvana Editoriale in collaborazione con l’agenzia fotografica Magnum Photos e la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte, è l’occasione per far conoscere a un vasto pubblico un artista della fotografia – come lo stesso Bischof amava definirsi – che, per la profonda empatia con i soggetti ritratti e la repulsione per il sensazionalismo, fu definito dalla critica mondiale “il fotoreporter umanista”.
Il percorso espositivo si compone di 105 fotografie in bianco e nero, divise in 7 sezioni che illustrano l’intensa e fulminea carriera del fotografo svizzero.

Werner Bischof nasce a Zurigo nel 1916; all’età di 16 anni inizia a frequentare la scuola d’arte della città dove entra in contatto con il fotografo Hans Finsler, legato alla corrente della Nuova Oggettività.
Alla fine della seconda guerra mondiale, nell’autunno del ’45, intraprende un viaggio nell’Europa devastata dal conflitto: attraversa la Germania, la Francia e l’Olanda rimanendone profondamente segnato, tanto da abbandonare la fotografia patinata per dedicarsi interamente al fotogiornalismo e all’osservazione documentaristica della realtà.
Nel 1949 entra a far parte dell’appena nata agenzia Magnum Photos, per la quale lavora in qualità di fotoreporter in giro per il mondo. Nel 1951 arriva finalmente a riscuotere il suo primo successo internazionale con il reportage sulla carestia nella regione indiana del Bihar, per conto della rivista americana “Vogue”.
A soli 38 anni, nel 1954, perde la vita in un incidente automobilistico sulle Ande peruviane. Celebre la fotografia con il ragazzo che suona il flauto, scattata nei pressi di Cuzco, pochi giorni prima della sua morte.
I suoi scatti colpiscono ancora oggi per la loro immediatezza, per l’empatia e l’umanità che riescono a comunicare: fotografie che sono entrate in maniera indelebile nell’immaginario del Novecento.
avatar
gviarizzo

Numero di messaggi : 216
Data d'iscrizione : 08.12.11
Età : 47
Località : Villanova D'asti

http://www.flickr.com/photos/gviarizzo/

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum