f8Chieri
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti attivi
» CORSO BASE - AUTUNNO 2020
Da Matteo Maso Mar Set 22, 2020 9:30 am

» Corsi di fotografia f8chieri primavera 2020
Da Matteo Maso Gio Feb 13, 2020 12:02 pm

» Corsi di fotografia f8chieri autunno 2019
Da Matteo Maso Gio Set 19, 2019 8:35 pm

» Corsi di fotografia f8chieri primavera 2019
Da Matteo Maso Mar Feb 12, 2019 6:56 am

» Risultati contets "Notti d'estate"
Da walter Gio Set 20, 2018 10:22 am

» Risultati contest "I colori della terra"
Da walter Ven Giu 22, 2018 8:57 pm

» Contest "Micromondo"
Da walter Gio Mag 24, 2018 7:08 pm

» Contest Sguardi
Da walter Gio Mar 29, 2018 3:38 pm

» Contest "Sensi"
Da walter Gio Mar 01, 2018 11:00 am

» Corsi di fotografia f8chieri Primavera 2018
Da Matteo Maso Lun Gen 29, 2018 1:44 am

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata


Non dimenticare la bellezza - (pensieri di un sognatore)

Andare in basso

Non dimenticare la bellezza  - (pensieri di un sognatore) Empty Non dimenticare la bellezza - (pensieri di un sognatore)

Messaggio Da Paoleffe Mar Ott 29, 2013 2:35 pm

Un pomeriggio parlavo con un'amica, anche lei appassionata di fotografia, sulla bellezza. il sottotitolo è però legato al tempo, nel senso del Chronos. La bellezza a volte ci passa di fianco veloce e sfuggente, uno sguardo, un corpo, un suono; a volte in modo lento, denso e fluido.
Abbiamo tutti ormai vari modi per fermare la bellezza, o meglio il tempo della bellezza. Possiamo usare le nostre fotocamere con tutti i vari dispositivi e le varie priorità e quindi "comandare" il tempo a nostro piacimento. Possiamo congelarlo e rendere l'immagine ultradefinita e "croccante", possiamo renderlo lungo e sfuocato come una carezza, come un soffio. La bellezza di un istante, di un gesto, di una foglia che sta per cadere. La bellezza di una pelle levigata, di una luce particolare.
Noi possiamo comandare il momento meraviglioso del nostro agire lento per poter scattare la nostra foto, possiamo guadare il soggetto, e agire di conseguenza, ma il privilegio che abbiamo è che possiamo in quel periodo precedente alla foto vera e propria, godere della vista di quel momento.
La nostra fotocamera è in realtà un taccuino di appunti, su cui scriviamo i nostri pensieri, e mentre scriviamo normalmente ci fermiamo a pensare, riflettiamo, guardiamo nel nulla, ripensiamo a situazioni, ricordiamo eventi simili, e continuiamo a fermare i nostri pensieri sulla carta.
Penso che chi fotografa ha un privilegio, può godere della bellezza soggettiva che ha di fronte e può nutrirsene molto di più di chi vedrà la foto; inoltre ha il privilegio di "fermare il tempo" come se volessimo non separarci mai da quella visone che viene ormai olisticamente abusata del "qui e ora".
La bellezza di una storia il cui fotogramma centrale è il nostro scatto, ma la meraviglia ulteriore è che esiste un prologo, con tutto quello che è avvenuto prima, e un epilogo, che è tutto quello che diverrà. Noi congeliamo la bellezza di quell'attimo centrale, e la bellezza della foto dovrebbe poter raccontare a chi guarderà, il prima e il dopo la fissità di quel tempo.
Solo dimenticando tutte le utilissime procedure e i tecnicismi elettronici, smettendo di considerare il medium, il mezzo tecnologico, il "simulacro" della nostra arte, potremo riappropriarci della bellezza.
E credo che di bellezza lenta ci sia tanto bisogno.
Paoleffe
Paoleffe

Numero di messaggi : 18
Data d'iscrizione : 19.10.12
Età : 63
Località : Pino Torinese

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.